Articoli

Filtro

Macchina elettrica? Roba dell'altro secolo!

  • Categoria: Attualità
  • Scritto da Sofia Russi

Thomas Edison, inventore della prima lampadina, si è rivelato anche profeta di una delle tecnologie più innovative del XXI secolo: la macchina elettrica.

Tra i tanti brevetti del genio americano, infatti, oltre alla lampadina c'è anche quello relativo ad un veicolo elettrico, che era stato realizzato in forma di prototipo ma rimase abbandonato in un garage di Londra per quasi 100 anni (solo recentemente è stato restaurato e rimesso in funzione). 

Arriva l'estate: NO ALL'ABBANDONO

  • Categoria: Attualità
  • Scritto da Sofia Russi

 

L'estate è ormai alle porte, e come ogni anno circa 130.000 animali si preparano ad essere tristemente abbandonati dai loro ingrati ''padroni'' che, non sapendo cosa fare di loro durante il periodo estivo, in cui generalmente le famiglie si spostano nelle località turistiche per trascorrere le vacanze, decidono quindi di abbandonare i propri cani e gatti per le strade, non curandosi della crudeltà del loro gesto: gli animali domestici abbandonati sono infatti condannati a morte pressocchè certa,

L'eterno ritorno....del vintage!

  • Categoria: Moda
  • Scritto da Sofia Russi

"La moda è fatta per diventare fuori moda" (Coco Chanel)

La moda vintage è un eterno e continuo ritorno. È proprio vero che nella vita, ma soprattutto nella moda, è meglio non buttare via mai niente.

Facebook: gli inserzionisti attaccano la troppa libertà del social network

  • Categoria: Social network
  • Scritto da Sofia Russi

Inserzioni troppo vicine a contenuti ritenuti offensivi. Sarebbe questo il motivo per cui molte aziende stanno valutando di rimuovere la propria pubblicità da Facebook, il social network più diffuso a livello mondiale.

Le società infatti starebbero analizzando i rischi che si nascondono dietro la pubblicità mirata, che da tempo ha invaso anche la piattaforma utilizzata quotidianamente da miliardi di persone in tutto il mondo: oltre allo sdegno degli utenti, che improvvisamente sono stati ‘assaliti’ dai messaggi pubblicitari che si sono moltiplicati rapidamente in ogni angolo di Facebook, ora anche le aziende muovono critiche a quella strategia che potrebbe essere erroneamente definita la gallina dalle uova d’oro dell’industria pubblicitaria.

Insieme alla Nissan, azienda di auto giapponese anche Nationwide, gruppo attivo nel comparto finanziario del regno unito, e la multinazionale Unilever hanno deciso di sospendere il loro rapporto con il social network in attesa che il problema venga risolto. I tre marchi hanno visto le loro inserzioni comparire al fianco di contenuti pubblicitari con sfumature misogine. E in poche ore hanno fatto il giro della rete.

Come afferma il Financial Times, questo è un momento cruciale per Facebook: i responsabili dovranno infatti provvedere rapidamente a trovare una soluzione per controllare i contenuti condivisi dagli utenti se vogliono evitare in futuro di scatenare nuovamente lo sdegno degli inserzionisti.  

C’è da tenere presente che nei primi tre mesi del 2013 il gruppo californiano ha generato ricavi di 1,46 miliardi di dollari, con un aumento del 38% rispetto allo stesso periodo dello stesso anno soprattutto grazie all'implementazione di nuovi strumenti che permettono agli inserzionisti di indirizzare le loro pubblicità ai singoli utenti.

Facebook si è adoperato subito per rimuovere i messaggi, ma tuttavia restano molti dubbi su quanto potrà accadere ora.<

Fashion blogging: istruzioni per l'uso

  • Categoria: Moda
  • Scritto da Sofia Russi

La moda: per molti una passione per altri un vero e proprio lavoro. Quello delle fashion blogger è un fenomeno nuovo, figlio del nostro tempo. Ma chi sono le fashion blogger? Che cosa fanno? Sono ragazze come molte che molto spesso iniziano per gioco o per semplice curiosità a creare dei propri blog nel mondo immateriale della rete, si ritagliano un proprio spazio dove possano esprimersi attraverso quella che è la loro passione, nonché la moda. Indossano i loro capi creando di giorno in giorno outfit diversi, ovvero foto che le ritraggono con diversi abiti, scarpe e accessori che esibiscono con disinvoltura, postano le proprie foto e creano quello che è il loro piccolo angolo virtuale. Non per forza tali blog nascono per dettare uno stile o una moda ma sono semplicemente una piattaforma per condividere le proprie idee riguardo un panorama variegato e in continua evoluzione.

Mentre dall’America spopola The Sartorialist, ‘fotografo itinerante’ che gira il mondo immortalando e ‘postando’ outfit dei passanti, in italia la fashion blogger più seguita è Chiara Ferragni, che deve il suo successo al suo blog ‘The blonde salad’; c’è chi li ama e chi li odia, chi li venera e chi li critica. Il punto fermo è però che il fenomeno del fashion blogging, che ha avuto inizio nei primi anni 2000, è in continua crescita, e di certo non è un fenomeno trascurato dai grandi nomi della moda, che anzi come sempre sfruttano l’onda cercando di inglobare le nuove star del web in quella che è la loro immensa industria pubblicitaria. <

Chi conta di più nella scelta dell'università?

  • Categoria: Attualità
  • Scritto da Sofia Russi

Nella scelta della facoltà universitaria genitori e amici contano più degli insegnanti: a sostenerlo il dipartimento di Sociologia e ricerca sociale dell'università Bicocca di Milano, autore dello studio 'Come e quando i diplomandi scelgono l'università', condotto su 24 scuole in Lombardia.

"I dati - spiegano i ricercatori della Bicocca - mostrano che per quanto riguarda le fonti di informazione sugli atenei e sulle facoltà, il 60% degli intervistati, in diverse occasioni, si consulta con gli amici, il 52 con i genitori, il 47% con gli insegnanti e solo il 30 si informa attraverso un confronto fra le brochure delle diverse facoltà. Tutti gli intervistati si confrontano con i genitori, in particolare, le donne riflettono sulle proprie caratteristiche personali con l'aiuto dei genitori più degli uomini (62%contro 58). Per quanto riguarda, invece, il confronto con gli insegnati gli studenti maschi dimostrano una maggiore propensione rispetto alle donne: 27% contro 23". 

L'indagine, hanno spiegato i responsabili, ha applicato, per la prima volta in Italia, lo 'Study choice task inventory': uno strumento elaborato da Veerle Germeijs e Karine Verschueren, due studiose belghe che si sono ispirate ai modelli di analisi delle carriere lavorative. <

A diciott'anni...

  • Categoria: Mondo Ravasco
  • Scritto da Denise Lozzi

homer lisa

Immaginiamo un ragazzo del 2000, un giovane di diciott’ anni, pensiamo un attimo ai suoi occhi, alle aspettative e alle tante illusioni della sua vita.

Duecento metri di storia a colori

  • Categoria: Arte
  • Scritto da Benedetta Verrotti

"Tuttomondo", il grande murale di duecento metri quadrati  unica opera italiana realizzata da Keith  Haring a Pisa, è entrata tra le pochissime opere contemporanee vincolate dalla Soprintendenza per i beni artistici
L'ufficialità arriverà nei prossimi mesi, ma è solo un aspetto formale perché l'opera ha già ottenuto il riconoscimento della Soprintendenza prima del normale decorso dei 50 anni dalla sua realizzazione che si applica solitamente alle opere degli artisti riconosciuti di chiara fama e segnalati negli appositi elenchi, costantemente aggiornati, del ministero dei Beni Culturali.
"E' un atto cui si ricorre raramente per opere contemporanee - ha spiegato Alba Macripò, della Soprintendenza pisana - ma dovuto per la conservazione di un dipinto che non è esagerato definire unico dato che si tratta dell'ultima opera realizzata da Haring prima della morte, dell'unica che in Italia si trova ancora in un'area pubblica e quindi fruibile da tutti e, a giudizio di molti critici, anche della più bella da lui mai realizzata.
E' stato un incontro casuale a portare nel 1988 Haring a Pisa: «Ero a New York, in una strada che nemmeno ricordo. Guardavano degli hare krishna suonare dentro un furgone, mi sono girato e ho visto Keith Haring. Impossibile non riconoscerlo: occhialetti tondi, alto allampanato, con i jeans e le scarpe da ginnastica enormi». Piergiorgio Castellani, pisano, oggi è un imprenditore del settore vinicolo, allora nel 1988 era uno studente di 19 anni con la passione per la pop art. Girava per Manhattan assieme a suo padre. Vide Haring e divennero amici, lui lo invitò a Pisa e lì l'artista americano realizzò sul muro esterno della chiesa di Sant’Antonio: «Tuttomondo».


L’opera ha per tema l’armonia e la pace nel mondo. Ogni personaggio rappresenta aspetto del mondo quando regna la pace: le forbici umanizzate rappresentano la collaborazione tra gli uomini per sconfiggere il serpente, cioè il male, che stava già mangiando la testa della figura accanto; la donna con in braccio il bambino richiama la maternità; gli uomini che sorreggono il delfino rappresentano il rapporto con la natura. In centottanta metri quadri c’è tutta la zoologia fantastica cara all’artista, in un alternarsi di evocazioni positive e negative, con valori da evidenziare e pericoli da esorcizzare.
In Italia Haring aveva realizzato altre opere: un graffito sullo zoccolo del Palazzo delle Esposizioni a Roma (1982), cancellato nel 1992 per "ripulire" il palazzo e un altro graffito di 6 metri per 2 nella metro A di Roma, tratto Flaminio-Lepanto, sulle pareti trasparenti del ponte sul Tevere, cancellato nel 2001. E ancora gli interni del negozio Fiorucci a Milano (1985) (rimossi e venduti all'asta da una galleria parigina) e due disegni a pennarello raffiguranti un surfista in una grande onda (Milano collezione privata). Tuttomondo, dunque, è l’unico murale ancora visibile. Dopo averlo dipinto Haring disse: «È stato il mio primo e più importante impegno per fare qualcosa di compatibile. Certo, capisco, stacca un po' perché non c’è niente di simile a Pisa. Però io ho cercato di usare colori e temi che in qualche modo fossero compatibili con l’energia e la cultura già presenti in questa città». Pisa ringrazia ancora.<

Un hotel nello spazio.

  • Categoria: Primo piano
  • Scritto da Giulia Ferraioli

hotelStufi di scuba con gli squali e di safari tra leoni ed elefanti? Chi cerca una vacanza davvero estrema, occhio alla società russa "Tecnologie orbitali", che promette per 2016 di completare la costruzione di un albergo situato molto in alto. Ma molto in alto. A 350 chilometri dalla superficie della terra, nello spazio.

Classifica musica inglese 26 maggio 2013: Naughty Boy primo tra i singoli, i Daft Punk dilagano tra gli album

  • Categoria: Musica
  • Scritto da Giulia Ferraioli

dAFTComincia un’ altra settimana trionfale per i Daft Punk nelle classifiche di vendita d’oltremanica: il tormentone Get Lucky perde il comando della singles chart, è vero, ma straccia definitivamente il record di vendite del 2013 -siamo a 711mila copie in meno di sei settimane di rilevamenti- e, cosa forse ancora più importante, traina alla grandissima l’LP Random Access Memories, che a sua volta debutta in testa alla Albums Chart con numeri da capogiro.

Fast and Furious 6.

  • Categoria: Cinema
  • Scritto da Giulia Ferraioli

fast furious 6Dennis McCharty è colui che sovrintende a tutte le automobili presenti sul set di Fast & Furious 6. Occupa la posizione di picture car coordinator ed ha scelto personalmente quale automobile destinare a Toretto, nonché se una vettura è adatta a stunt o acrobazie.

Estinzione di massa.

  • Categoria: Attualità
  • Scritto da Giulia Ferraioli

 In occasione della Giornata Mondiale per la Biodiversità, che si è celebrata ieri, mercoledì il 22 maggio, il Wwf ha lanciato l`allarme: il cambiamento climatico sta mettendo a serio rischio anche le specie più comuni di piante e animali a livello globale, e anche la natura d`Italia sta cambiando drasticamente, come dimostra il Progetto Clima-Osservatorio Oasi avviato nelle aree protette del Panda e rilanciato negli ultimi giorni della Campagna Oasi Wwf.

Ma questa grande estinzione di massa si può ancora evitare: bisogna agire in fretta per azzerare le emissioni climalteranti nel più breve tempo possibile, una necessità resa ancora più urgente dopo che nelle scorse settimane la concentrazione di CO2 in atmosfera ha raggiunto le 400 parti per milione, livello record che non si registrava da oltre 3 milioni di anni (ben prima della comparsa dell`Homo sapiens sulla Terra). 

L`hanno già reso noto gli scienziati riuniti, nel gennaio scorso a Copenaghen, nel nuovo Panel Scientifico dell`ONU per la Biodiversità e i Servizi Ecosistemici (IPBES). Ma il nuovo studio su 50.000 specie animali vegetali pubblicato da una delle più autorevoli riviste scientifiche (Nature Climate Change) lo riafferma con forza: a causa del cambiamento climatico il Pianeta rischia di perdere più di un terzo degli animali e metà delle piante oggi conosciuti, e la biodiversità rischia di ridursi drasticamente ben prima della fine del secolo, con le piante e gli anfibi tra i gruppi tassonomici maggiormente a rischio.

Ma secondo lo studio, se agiamo presto e con decisione basandoci sui livelli di riduzione delle emissioni indicati dalla comunità scientifica, il fenomeno può essere arginato, le perdite di biodiversità ridotte fino al 60% e il periodo in cui le specie potrebbero aver tempo di adattarsi prolungato di 40 anni.

Le specie prese in esame sono molto importanti anche per il benessere dell`uomo, per i processi di purificazione dell`aria e dell`acqua, per il controllo delle alluvioni, per il ciclo dei nutrienti e per l`importante ruolo del turismo nelle società umane. Rimanere al di sotto dei 2°C di aumento medio della temperatura globale rispetto all`era preindustriale, secondo gli scienziati, è cruciale.

 <

Addio a Franca Rame.

  • Categoria: Teatro
  • Scritto da Giulia Ferraioli

rameL'attrice Franca Rame, moglie del premio Nobel Dario Fo e madre dell'attore Jacopo, è morta a Milano. Aveva 84 anni ed era malata da tempo. Il 19 aprile dell'anno scorso era stata colpita da un ictus e ricoverata d'urgenza al Policlinico di Milano.

Maturità.

  • Categoria: Vita di classe
  • Scritto da Giulia Ferraioli

maturita

La mia recensione:

Maturità, t’avessi preso prima, le mie mani sul tuo seno, è così fitto il tuo 
mistero…

Così cantava Venditti, e mi sembra la frase migliore per iniziare una recensione su Maturità, viaggio nel cuore e nelle emozioni.

L'Hip hop, danza di strada.

  • Categoria: Musica
  • Scritto da Giulia Ferraioli

hip hopOggi l'hip hop è diventato una delle tendenze mondiali preferite dai giovani. Grazie alla televisione via satellite e ad internet, gli adolescenti da Prato a Kamtchakta possono ascoltare la stessa musica e vestire con lo stesso abbigliamento. Le radici dell'hip hop si possono rintracciare nella musica dell'Africa Occidentale, l'Africa nera. Questo tipo di musica ha avuto il maggiore impatto internazionale in Africa e nei Caraibi, dove hanno è stato adattato ai ritmi locali. In paesi come Portorico oppure la Repubblica Dominicana, l'hip hop si trova in continua competizione con il "reggaeton". Rapper internazionali sono nati in Africa in paesi come Senegal e Tanzania, ma la forza della tendenza musicale è in tutto il continente. 

Macklemore, il nuovo fenomeno mondiale

  • Categoria: Musica
  • Scritto da Mark Karaci

Il fenomeno del momento. Macklemore con la sua capigliatura che lascia impresso il ciuffone biondo sbanca tutto e conquista il mondo. Chi di voi non ha ascoltato mai una volta “Thrift Shop” ? La canzone è diventato in poco tempo un tormentone diventando immediatamente numero 1 in tantissime classifiche musicali di diversi paesi nel mondo. Ma il “ciuffo biondo” non è solo, infatti in questi tormentoni c’è sempre, oltre all’inconfondibile stile delle rime di Macklemore, lo zampino più che fondamentale di un compagno di viaggio. Ryan Lewis infatti confeziona la produzione dei brani del rapper, il risultato è una miscela esplosiva. Sound orecchiabile, rime pungenti e ritornelli che ti entrano in testa. “The Heist” è la prima fatica del duo e subito il pubblico sembra aver apprezzato.

Il Grande Gatsby

  • Categoria: Cinema
  • Scritto da Giulia Michelucci

http://www.everyeye.it/public/covers/16042013/il-grande-gatsby_cover.jpg

Il film che quest'anno ha inaugurato il festival di Cannes è stato Il grande Gatsby, riadattato in chiave moderna, anche grazie alle colonne sonore prodotte da Jay Z con Beyoncé, will.i.am, Lana Del Rey, Jack White, Brian Ferry, Emeli Sandé, dal regista australiano Baz Luhrmann.
La storia è ambientata nel 1922 ed è raccontata dall'aspirante scrittore Nick Carraway che, inseguendo il suo sogno americano, si trasferisce dal Midwest a New York, dove entra in contatto con il mondo dei super ricchi della East Coast. Siamo in piena età del jazz e scopre che uno dei suoi vicini di casa è il miliardario Jay Gatsby, un uomo dal passato misterioso (nessuno sa con precisione come abbia accumulato la sua immensa fortuna), che organizza nella sua villa spettacolari feste a cui non partecipa mai di persona, diventando il protagonista di un universo dove si consuma alcol a fiumi, nonostante il Proibizionismo, in un mix di lotte, tradimenti, amori e un incombente senso di catastrofe.   

Si ha l'impressione che il regista ci voglia stupire interpretando in chiave moderna le feste del giovane e innamorato Gatsby, nonostante la presenza costante nel film di lustrini e ballerini di charlestone tipici degli anni '20, cui appertengono il romanzo e il suo autore Francis Scott Fitzgerald. Tuttavia, nonostante tutte queste feste piene di gente senza inviti proveniente da New York, Gatsby è un uomo solo, che vive di ricordi, speranze d'amore, sempre sicuro di sé, ambizioso, ma con un passato oscuro, di cui nessuno sembra saperne nulla e a cui nessuno interessa.           

http://www.40secondi.com/wp-content/uploads/2013/03/IlGrandeGatsbyDueSpot-600x340.jpg                                                                           
" Era uno di quei rari sorrisi dotati di eterna rassicurazione, che s'incontrano quattro o cinque volte nella vita. Fronteggiava, o sembrava fronteggiare, l'intero mondo esteriore per un istante, e poi si concentrava su di te con un irresistibile pregiudizio a tuo favore. Ti capiva fin dove volevi esser capito, credeva in te fin dove ti sarebbe piaciuto credere in te, e ti assicurava di aver ricevuto esattamente l'impressione migliore che speravi di dare."


Si scopre, in seguito, che Gatsby ha acquistato il lussuoso palazzo, poiché dall'altra parte della baia abita la donna che ha amato, e ormai perso, cinque anni prima, Daisy. Quest'ultima è ormai sposata ed è la cugina del suo vicino, Nick. Così che Jay Gatsby vuole a tutti i costi conquistarsi la fiducia e la stima del vicino, per poi arrivare a riconquistare la sua amata Daisy.
    "Non si può ripetere il passato Jay". "Non si può ripetere il passato? Ma certo che si può vecchio mio".


Nell'ultima parte del film vengono svelati i molti segreti che si nascondono dietro il lusso di Gatsby e sembra che il regista, alla fine, nonostante faccia assistere alla vita sfrenata della New York ricca, voglia dissuadere il suo pubblico dal "pretendere troppo", come, invece, imprudentemente fa il protagonista della storia Jay Gatsby, interpretato da un convincente Leonardo Di Caprio.

« Così continuiamo a remare, barche contro corrente, risospinti senza posa nel passato. »<

L'anno del disastro:il Pescara vuole rialzarsi, si retrocede con la convinzione di poter risalire. E magari con Zeman...

Bentornati. Il Pescara dopo solo un anno ritorna nel campionato cadetto dopo una stagione da incubo. 3 allenatori, 38 partite, girone di andata con 20 punti che avevano rassicurato la squadra abruzzese soprattutto dopo la vittoria a Firenze contro la Viola poi il baratro. Le altre 19 partite hanno regalato la miseria di 2 punti, due pari esterni a Palermo e Roma. Una stagione nata male:campagna acquisti difficile, scelta dell’allenatore coraggiosa, Sebastiani e co non sono stati all’altezza di una ribalta ancora troppo grande per il Pescara. Partita tutta l’ossatura della mitica squadra della stagione scorsa che ha regalato la strepitosa promozione infatti non sono che arrivati sostituti non degni per un campionato in cui giocano giocatori del calibro di Balotelli, Totti, Pirlo e altri ancora.

Il coraggio di parlare

La criminalità organizzata rappresenta oggi, in moltissimi paesi, una delle principali minacce alla sicurezza dei cittadini e alla sopravvivenza della stessa democrazia. La presenza nella società di gruppi criminali organizzati ha conseguenze quanto mai gravi sulla vita quotidiana, sui rapporti sociali e sull'economia. Chi è parte della criminalità organizzata deve sottostare alla legge del più potente e quindi eseguire "veri e proprio ordini", tra gli esempi più comuni conosciamo l'estorsione di denaro ai commercianti e agli imprenditori, colloquialmente chiamato "Pizzo".

Nuovi orizzonti della Tecnologia

  • Categoria: Novità
  • Scritto da Angelo Cerqueti

 

Lo sviluppo della tecnologia sta portando sempre più compagnie ad una vera e propria guerra per il predominio della rete e delle risorse multimediali.

La Juventus vince ancora in Italia ma vuole l'Europa. Difesa granitica, centrocampo fenomenale, ma in attacco manca qualcosa, per la Champions serve il top player

Campioni, ancora. La Juventus vince per il secondo anno di fila il campionato italiano mettendo in bacheca quello che è il 29esimo o 31esimo che dir si voglia. Una cavalcata trionfale quella degli uomini di Antonio Conte che è riuscita ad annientare ogni singolo pretendente rendendo più che inutili i tentativi di rimonta di ogni squadra. Prima la Lazio, poi il Napoli e anche il Milan, nessuno è riuscito a tenere testa alla “Vecchia Signora” che in 35 partite è riuscita a totalizzare 83 punti tenendo i partenopei secondi a distanza di 11 punti. La squadra dei record, sarà stata anche violata l’imbattibilità dello Juventus Stadium e della squadra in generale, ma i bianconeri quest’anno hanno fatto meglio rispetto l’anno scorso. Quella che poteva essere l’incognita riconosciuta nella Champions si è rivelata un banco di prova affascinante ma anche dolorosa, dove però la squadra più titolata d’Italia è riuscita a farsi valere arrivando ai quarti facendo uscire i campioni in carica del Chelsea nella fase a gironi e inchinandosi solamente di fronte al Bayern schiaccia sassi prossimo alla finale che ha addirittura deriso il Barcellona in due partite fissando il risultato sul 7-0.

Battelfield 4: i primi rumors si fanno sentire

  • Categoria: Games
  • Scritto da Giorgio Quinzio

Battelfield 4, sviluppato dalla società svedeseDICE ( Digital IllusionCreative Entertainement ) e pubblicato dalla Electronic Arts, è un videogioco sparartutto in prima persona, la cui data di uscita è prevista per il 29 Ottobre 2013, a due anni di distanza dal suo predecessore:Battelfield 3. L’attesissimo videogame presenterà un nuovo motore grafico creato dalla DICE per il gioco in questione, il Frosbite 3, assai migliore al precedente e attualmente uno dei più avanzati ed apprezzati . La demo per PC presentata al GDC ( Game Developers Conference ) mostra la migliorata realizzazione dei personaggi, resi ancora più realistici, una dettagliata cura agli scenari e un sistema di illuminazione ulteriormente migliorato.La Elecronic Arts ha rivelato che la demo era stata mostrata con la nuova scheda grafica AMD Raedon HD 7990, che attualmente non è in commercio, e che competerà con la GTX Titan della Nvidia. La campagna del videgioco sarà, come anticipato dalla DICE, più drammatica, coinvolgente e credibile rispetto al Battelfield precedente. Essa si svolgerà principalmente in Cina e l'obiettivo che farà da filo conduttore a tutta la trama sarà quello di dover salvare alcuni VIP a Shanghai. Gli sviluppatori promettono una maggiore libertà durante lo svolgimento delle missioni e una modalità multiplayer di gran lunga migliore rispetto al suo predecessore. Le piattaforme dedicate al videogioco saranno la PS3, la Xbox 360 e il PC, anche se qualcuno sostiene che ci sia di mezzo anche la PS4.

 <

Il nuovo TORMENTONE

  • Categoria: Games
  • Scritto da Chiara Fusco

Dopo Ruzzle, gioco per android e I-phone, esce il nuovo tormentone “ word 4 immagini 1 parola”. Ma come funziona? Bisogna accomunare a quattro immagini una sola parola, ma non è cosi semplice, a quanto sembra il gioco ha messo in crisi moltissime persone soprattutto alunni e universitari.

La scelta vegetariana

‘Nel pieno della nostra vita edonistica, ostentata e tecnologica, tra gli splendidi monumenti della storia, dell'arte, della religione e del commercio, esistono delle "scatole nere". Queste "scatole nere" sono i laboratori di ricerca biomedica, gli allevamenti e i macelli: aree separate, anonime, dove la nostra società conduce i suoi sporchi affari fatti di violenza e sterminio di innocenti esseri senzienti. Queste sono le nostre Dachau, Buchenwald e Birkenau. Come i barvi cittadini tedeschi, abbiamo le idee chiare su cosa accade lì dentro, ma non vogliamo saperne nulla.’

 - Alex Hershaft, sopravvissuto all’Olocausto nazista, vegetariano dal 1962

Internet compie 20 anni

  • Categoria: Novità
  • Scritto da Giulia Michelucci

Internet compie 20 anni

 

La prima homepage della storia compie 20 anni: per festeggiare l'evento, il Cern di Ginevra, che il 30 aprile del 1993 aprì Internet al mondo, ha deciso di restaurare il primo sito web.

Cara natura...il caos!

 

Un montaggio di musiche, l'una sfuma, l'altra per una qualche remota affinità si lega armoniosamente ad essa, portando così l'orecchio dello spettatore a tutt'altra melodia...così un flusso di coscienza, idee che si mescolano,un dipinto di parole policromatico.

Il Mondo Di Honey Boo Boo: il reality americano sbarca in Italia

  • Categoria: Tv
  • Scritto da Giulia Michelucci

 

honeyAlana Thompson, meglio nota con il soprannome Honey Boo Boo, è una bambina americana di soli sei anni che è già una reginetta di bellezza professionista: canta, balla, recita, sfila e sa come portare un make up elaborato e un vestito pieno di paillettes.

Graffiti contro la crisi

  • Categoria: Arte
  • Scritto da Benedetta Verrotti

Il salone del libro di Torino, che si terrà tra il 16 e il 20 maggio, sarà accompagnato da un iniziativa molto particolare contro la crisi che avanza. Quaranta street artist sono stati chiamati per ravvivare le saracinesche dei negozi che sono e, purtroppo, resteranno chiuse per molto tempo. Le bombolette spray dovranno seguire un percorso a tappe che finirà con Paratissima 2013 a novembre. Seguendo il tema di Librolandia, che quest’anno è quello della creatività, gli artisti devono trarre spunto da dieci neologismi del “vocabolario allargato” di Andrea Bajani, coniate da degli studenti dai 15 ai 18 anni come simbolo di contemporaneità.

Colori e gioventù fanno sentire la loro opinione, con fare anticonvenzionale, sulla situazione economica in corso. Alle serrande grigie dei negozi costretti alla chiusura, si oppone la voglia di ripresa e di rinnovo. A tirarsi su le maniche sono proprio i giovani artisti, simbolo di un forte voglia di rivalsa che c’è, ma aspetta che quelle serrande vengano riaperte per poter venire fuori. L’arte, campo sempre e mai in crisi, porta speranza e inchiostro per cercare di ridare movimento all’immobilità di questa condizione di cui l’Italia è prigioniera.

 

Per risollevare gli animi, anche quando i portafogli sono vuoti, a Torino stanno arrivando le “Serrande d’autore”.

 <

Login