NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:

I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:

I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:

I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:

I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.


Cookies essenziali: 

Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:

Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:

Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie Prima parte Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata Cookie persistente
   
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
   
3) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)

Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; -Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.

Un giorno nel mondo della comunicazione

Share

L’11 Marzo l’agenzia di comunicazione Mirus, situata a Pescara, ci ha aperto le porte della sua sede e ci ha mostrato come si lavora in un vero e proprio ufficio. Le prime persone che abbiamo conosciuto sono la direttrice creativa Chiara Santroni e la responsabile qualità Sandra Buonarota. Loro ci hanno raccontato la storia dell’agenzia e ci hanno presentato il loro lavoro, la struttura e lo staff. Tra questi si è fermato a parlare con noi anche Antonio di Lullo, art director.

Abbiamo approfittato della disponibilità per porre loro alcune domande.mirus

 “Parlateci delle origini della Mirus. Come, quando e perché è nata?”

Sandra: “La Mirus è nata nel 1993. In principio era un’agenzia di servizi che organizzava piccoli eventi, come matrimoni, feste per bambini e piccole pubblicità radio. Allora si chiamava Numero Magico. In seguito ha cominciato ad allargarsi: il cliente che si faceva organizzare un evento personale, pian piano, avendo un’azienda propria, ha cominciato a chiederci servizi di comunicazione sempre più grandi e impegnativi. Per cui c’è stato un momento in cui si è deciso di cambiare nome in Mirus, che può essere interpretato sia come l’acronimo di Michele Russo (titolare della Mirus) sia come 'mirabile', che è il suo significato dal latino. Ci siamo spostati di sede, una sede anche più di rappresentanza, e da qui, espandendoci, è nato il reparto marketing. Nel frattempo ha continuato a crescere, ed anche il numero delle persone che vi lavoravano è aumentato. Abbiamo cominciato a dire che la Mirus si occupa di comunicazione a 360°: avevamo il reparto degli eventi ben strutturato, il reparto creativo con l’art director, i grafici e i copywriters; il reparto marketing, nato da poco ma in crescita, e il reparto delle pubbliche relazioni, curato da sempre da Michele Russo. Ci siamo espansi nella zona delle marche, dove è nato appunto Mirus Marche. Dopo un po’ di anni Michele Russo acquisisce anche Studio +, agenzia storica milanese che ha avuto un passato glorioso soprattutto negli anni 80, che ha anche una sede a Roma. Infine, essendo cambiata la comunicazione, cambia anche l’agenzia, con la nascita del settore web e social. Questa è in breve la storia della Mirus, con i suoi 4 reparti, certificati in qualità da 13 anni. “

“Sul vostro sito è scritto che la vostra filosofia aziendale è: 'Oggi non basta essere, bisogna essere al cubo'. Cosa vuol dire?”

Chiara: “La Mirus si è voluta raccontare così, usando l’immagine di un cubo, che sostanzialmente nasce da un insight che ha avuto proprio Michele Russo. È un’idea legata al fatto che il cubo, essendo sfaccettato, rappresenta su ogni faccia un particolare aspetto della nostra agenzia. Ognuna di queste facce contiene al suo interno anche differenti promesse che facciamo ai nostri clienti. Noi diciamo di essere strategici (be strategic), ma anche creativi (be surprising). Siamo digitali (be digital), la nostra azienda infatti si rinnova continuamente al passo con i tempi: abbiamo un fiorente reparto web e di social media marketing che sono imprescindibili in una logica di comunicazione integrata. Negli altri 'be' che abbiamo c’è il 'be operative': l’operatività è una dote assolutamente indispensabile, dato che ormai i tempi di esecuzione e di risposta richiesti sono sempre più rapidi, e spesso ci sono delle esigenze tempestive. 'Be different' , perché bisogna cercare di essere unici, di avere la capacità di scolpirsi nella memoria e adattarsi a tutti i target possibili, e noi ci diamo da fare in questo. Infine abbiamo il 'be competitive': diciamo di essere competitivi perché la nostra è un’azienda che sa porsi come consulente e soddisfare le esigenze dei clienti, ecco perché il nostro pay off è 'Consulenti in comunicazione'. La competitività è il fattore conclusivo che fa da cornice all’agenzia, e che si lega anche a tutti i precedenti fattori. In conclusione il messaggio di base è che noi produciamo idee, questo è il nostro lavoro.”

 

“Due parole: influenza e controllo. Possiamo dire che la pubblicità e anche internet sono diventati un po’ delle armi?”

Chiara: “Sono sempre state armi. La pubblicità è un’ 'arma' che si esprime su mezzi e strumenti differenti. Per ogni mezzo e strumento c’è un linguaggio specifico, infatti per creare bisogna conoscere. Più si conosce, più si è persuasivi e per questo la conoscenza del linguaggio specifico è indispensabile. Sotto questo aspetto, noi siamo dei 'persuasori occulti'.  Oggi in generale farsi notare è molto difficile, perché le persone, ed anche noi, sono sottoposte a un continuo bombardamento di messaggi che li mandano in overload e quindi tendono ad essere molto selettivi. Importantissima perciò la strategia e una conseguente creatività. Sicuramente nel lessico dei social la parola 'Influenza' ha un ruolo chiave, che rivela quanto essa condizioni la nostra percezione delle cose. 'Controllo' è una parola forte. Da pubblicitario dico che noi facciamo il nostro lavoro, non vogliamo controllare nessuno. Noi ci limitiamo ad essere 'persuasori'; l’educazione, quindi la scuola, dovrebbe far in modo che ciò non eserciti un controllo. La formazione permette la decodifica dei messaggi e ostacola i persuasori occulti. Ambisco, come creativo, ad avere delle difficoltà di persuasione. Questo si ottiene con una formazione all’altezza. Molto spesso si dà la colpa ai pubblicitari perché plasmano le coscienze. Ma la decodifica critica è pertinenza di altre istituzioni."

 

“Parlando di formazione: che cosa consigliate ai ragazzi che, come noi, stanno finendo il liceo e vorrebbero intraprendere una carriera in questo ambito? Ad esempio la scelta dell’università.”

Chiara- “La formazione è cambiata. Adesso ce n’è una a doc rappresentata dalla facoltà di Scienze della comunicazione, che è un ambito di riferimento importante. Poi a seconda del settore in cui si vuole lavorare nell’agenzia, c’è bisogno di formazioni specifiche. Per quanto riguarda il reparto creativo, la cellula base è formata da copywriter e art director. Il copy deve avere una formazione più letteraria, che può venire da Lettere e Filosofia piuttosto che da Scienze della comunicazione. Analogamente un art, che deve comunque avere delle competenze di settore, potrebbe preferire l’Università europea del design, che equivale all’alta formazione in abito art. Ma ci sono anche delle scuole professionali appositamente studiate e con la quale noi abbiamo una partnership. Noi cerchiamo spesso di creare collaborazioni sul territorio. Ad esempio siamo molto aperti agli stage.  Ai ragazzi consigliamo di studiare innanzitutto, di chiarirsi le idee e di cercare di essere mirati nella scelta della formazione. Essere focalizzati è importante, e ancora di più nel nostro settore lo è essere curiosi e non smettere mai di studiare. La comunicazione non si ferma, è in continua evoluzione e ci si deve evolvere con lei. Quindi è indispensabile una grande curiosità intellettuale. Per questo per i ragazzi fare degli stage è fondamentale, perché all’interno dell’agenzia si impara molto sotto questo aspetto. Qui accogliamo volentieri gli stagisti, e da noi di certo non si fanno fotocopie. Chi entra, lo fa attivamente sui progetti, anche prendendosi sulle spalle un alto carico di responsabilità. Inoltre teniamo in gran conto il trasferimento delle conoscenze: nei confronti di un ragazzo in stage un’azienda deve garantire una buona 'socializzazione dei saperi'."

 

“Sempre a proposito della formazione: nell’ultimo periodo si è discusso molto sulle nuove riforme scolastiche. Uno dei punti centrali è l’alternanza scuola-lavoro. Il nostro istituto inoltre, per il prossimo anno, prevede l’inserimento di un nuovo indirizzo superiore: Il liceo classico della comunicazione, in cui questo elemento è abbastanza presente.  Credete sia un punto efficace?”

 Chiara: “Per quanto riguarda la nostra attività l'alternanza scuola-lavoro è un po’ più complicata. C’è bisogno che ci siano delle nozioni di base perché questo apprendimento in stage risulti veramente efficace. Ad esempio se non si conoscono programmi di grafica, si possono riscontrare diverse difficoltà per organizzare il lavoro. Certamente uno studente del liceo classico può essere più indicato per un percorso da copywriter, perché si presuppone abbia un alto livello di capacità linguistica. Un indirizzo che prevede il mondo della comunicazione come elemento centrale, cambierebbe la mia opinione. Infatti un corso di specializzazione già all’interno delle scuole superiori non creerebbe questo gap che ad oggi esiste. Resterebbe comunque il problema del monte ore. Il nostro è un lavoro a tempo pieno, se queste sono poche, la resa è minore.”

Antonio: “Sicuramente i vantaggi di un’alternanza scuola-lavoro sono molteplici. In 6 mesi di stage i ragazzi apprendono più di quanto possano apprendere in 3 anni di percorso didattico, anche per una serie di fattori, tra i quali l’imminente crescita del senso di responsabilità. Sul lavoro ognuno si mette in gioco individualmente, ma certo non manca il tutoraggio. Credo però occorra sempre una base da cui partire.”

 

“L’ultima domanda riguarda proprio il liceo classico della comunicazione. Cosa ne pensate? Credete possa essere utile a creare anche nuove 'leve' per il futuro?

Chiara: “Questa scuola a mio parere è una grande intuizione. Anzi auspico una sinergia con un indirizzo di studi di questo tipo e le agenzie di comunicazione sul territorio. Credo anche che tutto ciò che riguarda il campo umanistico sia per sua vocazione aperto all’idea del comunicare. Il liceo classico della comunicazione è una buona idea che offre la possibilità di attualizzare un po’ i modelli classici. Tuttavia ritengo ancora che i valori dateci dai modelli siano imprescindibili, perché d’altronde fanno parte della nostra identità, che come tale va sempre difesa.” 

Con la speranza di una convergenza tra passato e futuro si chiude la nostra intervista e il nostro breve ma intenso “viaggio” in una grande e in continua espansione realtà che è quella della comunicazione

 

Login